Perché viviamo?

Questa è la domanda che abbiamo posto questa mattina, girando nell’edificio U9 dell’Università di Milano-Bicocca: le risposte sono diverse, alcune concezioni diametralmente opposte tra di loro. C’è chi risponde di getto e chi chiede qualche secondo per pensarci, chi accetta di buon grado e chi declina l’invito, ma Andrea, 23 anni e laureando in Fisica, si propone con entusiasmo: «posso rispondere anch’io?». Secondo lui viviamo per fare esperienze e costruirci un bagaglio culturale. «Viviamo per conoscere ed imparare» sostiene, «per sapere come comportarci in futuro». Diversa, più filosofica è la visione di Simone, studente di Scienze Psicosociali della Comunicazione di 19 anni: «lo scopo perseguito anche inconsapevolmente dagli esseri umani è realizzarsi, interagire con gli altri e ciò che ci circonda, costruirsi un ego solido e soddisfacente». Ammicca e continua: «la vita è un circo e ognuno di noi si trova in mezzo alla pista». Sono molte le persone che condividono il suo punto di vista, la maggioranza delle risposte infatti concorda: siamo tesi verso il futuro ma sotto una prospettiva individualista, di self-affirmation, dobbiamo renderci protagonisti della nostra quotidianità. Sembra che «il senso della vita» sia in gran parte legato a ciò che otteniamo: esperienza, successi personali, spesso anche la felicità. Spiccano tuttavia alcune voci fuori dal coro come quella di Chiara, 22 anni, studentessa di Ottica: «viviamo per morire» risponde senza battere ciglio e alzando le spalle. «E’ ciò che dà valore ad ogni minuto della nostra esistenza». Aveva quindi ragione Freud quando diceva «la meta di tutto ciò che è vivo è la morte»? Non c’è una risposta universalmente corretta, ognuno di noi si rapporta alla vita ed ai suoi obiettivi in maniera diversa; è proprio per questo che non esiste un concetto generale di senso della vita.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Positive SSL