Ancora molestie sessuali alla Century Fox

Sono state mosse accuse di molestie sessuali contro il conduttore di “The O’Reilly Factor”, Bill O’Reilly. Tutto parte da una telefonata arrivata alla linea diretta di Fox News. Wendy Walsh, ospite fissa allo show, racconta che O’Reilly avrebbe ritirato un’offerta di lavoro nei suoi confronti dopo il suo rifiuto a passare una notte in suite insieme. L’avvocatessa della Walsh, Lisa Bloom, si sta assicurando che le accuse  vengano affrontate con la dovuta serietà.

Fino ad ora, Fox ed O’Reilly hanno già pagato 13 milioni di dollari a cinque donne che gli hanno mosso le stesse accuse (dall’abuso verbale, a linguaggio osceno passando per proposte indecenti). Questi sono i dati riportati dal New York Times, ma il prezzo effettivo è molto più alto. Ad oggi sono 21 le aziende che hanno deciso di slegare il proprio nome da quello dell’ente televisiva. Tra queste: Mercedes-Benz, Hyunday e Bayer. Fox News in risposta sta cercando di aprire un dialogo con le aziende restanti per rassicurarle.

Il presentatore televisivo si difende dicendo di essere stato preso di mira a causa della sua posizione, ma a spezzare una lancia a suo favore è, niente di meno, il Presidente degli Stati Uniti d’America. Egli stesso denunciato per molestie sessuali, in passato, dichiara: “Conosco Bill molto bene, è una brava persona e non credo che abbia fatto nulla di male”.

Nonostante queste parole ispirate, sono in molti a pretendere che il caso venga seguito a fondo. La National Organization for Women (NOW) chiede che O’Reilly venga licenziato. La realtà è però che l’audience del programma non è calata e che le considerazioni da fare sono ancora molte.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *