Il senso della vita? La ricerca della felicità

Cosa si vive a fare? Qual è il senso della vita?

Abbiamo posto queste domande ad alcuni studenti dell’Università di Milano Bicocca e le risposte a una domanda apparentemente così semplice non sono state scontate. Inizialmente imbarazzati nel rispondere ad una domanda che tocca intimamente il privato e l’anima, i ragazzi  hanno risposto in maniera sempre diversa e soggettiva, ma seguendo un tema comune: la felicità.

Sofia (20 anni, studentessa) ad esempio risponde: “Per me viviamo per scoprire, ricercare, e anche sbagliare per arrivare a capire quale sia la propria via per la felicità”. Dunque il senso della vita è uguale alla ricerca della felicità, felicità raggiungibile anche attraverso gli errori: ma esiste una felicità assoluta, intesa come obiettivo ultimo da raggiungere?

Secondo Valentina (23 anni, segretaria), no: “ Il senso della vita, o il motivo per cui viviamo, secondo me è proprio avere l’obiettivo di dare un senso alla vita stessa, quindi di raggiungere ogni giorno obiettivi diversi e sempre nuovi: questa per me è la strada per essere felici. La vita senza obiettivi non avrebbe senso.”  Valentina mi confida che il suo lavoro da segretaria, inizialmente tanto cercato, non la soddisfa più: vorrebbe trovare un nuovo lavoro e trasferirsi in un’altra città, magari Londra.

Francesca (20 anni, studentessa), risponde così: “Io penso che non ci sia un vero e proprio senso della vita, come se in un’unica occasione riuscissimo a trovare tutte le risposte: penso che ci siano più sensi della vita, e che ognuno debba trovare il suo personale, per essere felice”. Francesca è qui per decidere cosa fare della propria vita: iscritta a Pavia alla facoltà di lingue straniere, vorrebbe invece ora passare a Psicologia, quello che le piace davvero e per cui si sente più portata.

Se il senso della vita allora è ricercare la felicità, verrebbe da porci una nuova domanda: qual è la strada per la felicità? Prova a rispondere Gabriele Muccino nel suo film del 2006, La ricerca della felicità: “Fu in quel momento che cominciai a pensare a Thomas Jefferson, e alla dichiarazione di indipendenza, quando parla del diritto che abbiamo alla vita, libertà e ricerca della felicità, e ricordo di aver pensato, come sapeva di dover usare la parola ‘ricerca’. Perché la felicità è qualcosa che possiamo solo inseguire, e che forse non riusciremo mai a raggiungere, qualunque cosa facciamo”. Forse, proprio come il senso della vita.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Positive SSL